Passignano sul Trasimeno, assassinio medico condotto

Medico condotto di Passignano ucciso dai fascisti

Medico e socialista, Guglielmo Grifi, lavorava a Passignano sul Trasimeno. Era il medico condotto. Traversando la piazza del paese, quella sera del 29 maggio 1921, si trovò a passare davanti ad un caffè dove si trovavano, seduti ai tavoli all’aperto, alcuni fascisti. Non si sa come né perché ma una parola tira l’altra “ne nacque una disputa che degenerò in mischia”. Da come il “Corriere della Sera” raccontò la faccenda sembra quasi che ci ci trovasse al cospetto di un facinoroso che, da solo, provocò un gruppo di fascisti. Era davvero un tipaccio, questo medico condotto che, riferiva il giornale, “sembra fosse inviso alla popolazione”?
Certo non ebbe paura di affrontare quei fascisti, la sua reazione, anzi fu molto determinata. “Disarmò un fascista e lo percosse”, riferisce il corrispondente del “Corriere”. Che laconico concludeva: “Altri fascisti spararono alcuni colpi di rivoltella e il Grifi rimase ucciso”. Buona grazia sua se non aggiunse, a chiudere, un “ben gli sta”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...