1971: “L’aeroporto a Terni si farà”, e infatti…

aviosuperficie maratta moto (4) isL’aeroporto a Terni. Sembrava fatta. Era il 15 giugno 1971 quando il consiglio comunale ternano alla quasi unanimità (ci fu il voto contrario solo del Movimento Sociale) approvò un documento di appoggio ad una deliberazione del consiglio regionale.

Continua a leggere

Annunci

Terni, ballottaggio: De Luca a caccia dei voti dei delusi Pd, e ci prova pure Latini

de luca e LatiniCome Petrolini. Bastava dicesse “Che pria…”. E giù applausi a spellarsi le mani con tanto di “Bravo!, Bravo!”. Così alla sala Blu di Palazzo Gazzoli. Una volta la fila di qua, quella dei supporters di Leonardo Latini; una volta la fila di là, quella occupata dai fans di Thomas De Luca. Tifo da avanspettacolo al faccia a faccia tra i due candidati al ballottaggio per indossare la fascia tricolore di sindaco di Terni dopo il 24 giugno.

Continua a leggere

Elezioni comunali a Terni: un voto per scacciare le paure

palazzo-spada.jpgNessuno se lo ricorda, ma nelle comunali ternane del 2014 una lista col simbolo Lega nemmeno c’era: voti zero.  Quattro anni dopo voti: 14.667 il che significa oltretutto 3.500 voti in più rispetto alle politiche del 4 marzo scorso. La crescita diventa ancora maggiore se si va per percentuali, cosa dovuta al calo dei votanti: il 4 marzo 17,7%, il 10 giugno 29,9. Oltre il 12 per cento in più. Tanto per dire: giusto giusto la consistenza attuale del Pd a Terni che ha ottenuto il 12,57% (era il 21 e spicci il 4 marzo).  Cresce anche Fratelli d’Italia ( 4,76% alle politiche, 6,34% alle comunali).

Leggi⇒

11 giugno 1944: Alleati ormai a Orte, la Folgore non basta a fermarli

Le truppe alleate a San Valentino

L’11 giugno 1944, il bollettino ufficiale della Repubblica Sociale Italiana che riferiva le notizie dal fronte di guerra era cercava di diffondere fiducia e ottimismo. Annunciava, prima di tutto, che  “L’Italia è tornata al combattimento, è tornata all’onore. E su di questa strada l’hanno riportata i giovanissimi combattenti della Repubblica …

Continua a leggere

Moto: al ternano Parazzini il circuito dell’Appennino

Il 7 giugno 1914, il centauro ternano Sesto Parazzini, su una non meglio specificata motocicletta di 500 cc tagliò per primo il traguardo del Giro Motociclistico dell’Umbria denominato anche Circuito dell’Appennino Centrale.

Continua a leggere</

Dal duca di Spoleto Corrado, privilegi ai ternani

corrado-2

Giugno 1191 – Corrado di Urslingen, duca di Spoleto e conte di Assisi, concedeva a Terni alcuni privilegi. Una decisione che trovava origine, con tutta probabilità, dal volere in qualche modo accattivarsi le simpatie di una città che sembrava a lui la meno decisa a resistere alla lusinghe del papa che cercava di erodere il dominio del ducato spoletino.

Continua a leggere

Col “carnificio” Scanzano sfamava i fanti in trincea

carnificio scanzano (4)Oggi è un deposito militare abbastanza anonimo. L’architettura, però, è tipica delle fabbriche realizzate agli inizi del ventesimo secolo. Riverniciata in giallo e bianco. E’ a Scanzano, frazione di Foligno, sulla strada che porta a Belfiore. Proprio al bivio. Una fine non proprio…

Continua a leggere

Venticinque anni fa, a Terni, la sorpresa Ciaurro

Alle elezioni comunali ternane del 6 giugno 1993 il pronostico sembrava scontato. Prima di conoscere il nome del nuovo sindaco di Terni sarebbe stato necessario…

Continua a leggere

ciaurro (20)

Gian Franco Ciaurro s’insedia a Palazzo Spada – Foto di carlo Angeletti

1972, va a una pianista americana il Concorso Casagrande

alessandro casagrande (2)Una pianista americana, Nina Tichuren, vinse, il 3 giugno 1972 il primo premio al concorso Pianistico Internazionale Alessandro Casagrande.  Il concorso, giunto allora alla settima edizione, era organizzato a Terni in memoria del musicista prematuramente scomparso. In poco tempo era diventato uno dei concorsi pianistici più importanti del mondo.

Continua a leggere

Sulle mense ternane solo cibi genuini: stop alle speculazioni

mercatoTerni, 1 giugno 1587 – Sulle mense ternane solo prodotti sani, genuini e nostrani. O quanto meno di provenienza sicura.  E stop alle speculazioni sui prezzi. Basta quindi agli acquisiti di merce in altre città e paesi vicini, e men che meno acquisti fatti appena fuori le porte cittadine.

Continua a leggere