Piediluco come Miami

Motoscafo sul lago di Piediluco
Una vecchia cartolina di Piediluco mostra un potente fuoribordo che solca le acque del lago

 

Piediluco sembrava ormai una piccola Miami Beach: potenti motoscafi solcavano le acque del lago alzando due pennacchi bianchi di schiuma; giovanotti attaccati ad una fune dietro ai fuoribordo si esibivano nello sci nautico, sollevando, per proprio conto, ventagli d’acqua con quell’unico sci ai piedi: piroette l’una dietro l’altra fino ad imboccare il trampolino che stava lì, proprio davanti alla montagna dell’Eco, ed esibirsi in salti spettacolari. Sembra uno scenario da sogno, o meglio, da fantascienza, ed invece è storia vera. A cavallo della fine egli anni Sessanta e l’inizio dei Settanta, a Piediluco, era questo quel che succedeva. Più di quarant’anni sono passati.
Tutto finì con l’estate del 1973. Il Comune di Terni, anticipando la legge sul decentramento, varò i consigli di delegazione. Furono i progenitori dei consigli di circoscrizione, ma allora erano limitati ai centri che erano stati comuni autonomi fino al 1927: Collestatte, Torre Orsina, Collescipoli, Cesi, Papigno e – naturalmente – Piediluco. In riva al lago il 4 aprile 1973 il consiglio di delegazione, si riunì per la prima volta. Era la seduta di insediamento che avvenne nel bel mezzo di un’assemblea popolare. Quindici membri: Luigi Ciferri, Ottorino Quintili, Materno Eroli, Sandro Petrollini, Giacomo Santicchia, Umberto Giangiuli, Antonio Petacchiola, Arnaldo Crisostomi, Antonio Fiocchi, Rita Bonanni, Miro Proietti, Walter Zagaglioni, Giorgio Crisostomi, Giorgio Estevan, Diesildo Petrollini. E si partì col “botto”, affrontando la questione più spinosa in quel momento: Erano diventati troppi i motoscafi sul lago, c’erano problemi di inquinamento, E poi scorrazzando a “ruota” libera quei motoscafi diventavano un pericolo. Bastavano solo le onde che provocavano per mettere in ambascia chi il lago lo “viveva”  utilizzando una barca a remi. La soluzione fu drastica ed immediata: divieto assoluto di transito sul lago per i natanti che avevano una potenza maggiore a cinque cavalli.
Addio sci nautico. «Ma tanto quello è sport da ricchi», si disse.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Piediluco come Miami

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...