Archivi tag: “Terni”

1976, la “Terni” perde 40 miliardi: cassa integrazione

Dicembre 1976 – Lavoratori, cittadini e istituzioni erano preoccupate per il futuro dell’acciaieria di Terni, stretta in un grave situazione soprattutto dal punto di vista finanziario. E’ per questo che il 15 dicembre del 1976 a Roma una delegazione della giunta comunale ternana…

Continua a leggere

Annunci

1939, s’inaugurano gli impianti idroelettrici del Salto e Turano

Salto e Turano, i due grandi impianti idroelettrici costruiti dalla “Terni” sbarrando il corso dei due fiumi del Reatino, furono inaugurati l’8 dicembre 1939, dal ministro dei Lavori Pubblici Adelchi Serena.

Continua a leggere

Virgilio Alterocca, molto più che le cartoline

Il 2 dicembre 1835 nacque Virgilio Alterocca, noto nel mondo soprattutto per le sue cartoline. Ma Virgilio Alterocca, per Terni, fu molto più che un imprenditore di successo con la sua tipo-litografia. Fu, infatti, un personaggio dalle molte attività, poliedrico, proiettato verso il futuro, …

Continua a leggere

Sergente schiaffeggiato dal suo comandante: protestava

Terni 4 novembre 1884, il sottufficiale avanzò rimostranze per le continue “censure” ricevute. La reazione del tenente fu esagerata. Erano in servizio presso la caserma ricavata all’interno del convento di San Procolo.

Leggi

Baiano, il parroco arrestato per blocco ferroviario

Baiano di Spoleto, 9 giugno 1964

Sul mandato di cattura c’era il nome di Vittorio Bellomi. Mancava però un “don”, perché Vittorio Bellomi era il parroco di Baiano di Spoleto e quella mattina i carabinieri andarono a prelevarlo proprio in parrocchia.
Finì in carcere, accusato del reato di blocco ferroviario, per aver “fermato” un treno alla stazione di Giuncano. Continua a leggere Baiano, il parroco arrestato per blocco ferroviario

Bomba atomica su Piediluco: Terni e Rieti distrutte, ma per finta

7 giugno 1958

Dopo dice che uno si lascia andare. Ma gli scongiuri – quelli soliti, “da uomo” – erano più che necessari. Con una elevata dose di buon gusto che ti fanno le forze NATO di stanza in Italia? Simulano un attacco nemico e lo sganciamento di una bomba atomica sul lago di Piediluco. Lo scopo, Continua a leggere Bomba atomica su Piediluco: Terni e Rieti distrutte, ma per finta

Fotogallery/La grande Guerra

♦I Caduti della Grande Guerra, di cui si celebra il centenario, sono ricordati in ogni centro, piccolo e grande. Una galleria fotografica per sottolineare quanto quella tragedia colpì, senza esclusioni, la gente di tutto il Paese: contadini, operai, giovani di tutte le classi sociali i cui nomi sono incisi sul marmo. Un ricordo ed un monito, seppure a volte colpevolmente inascoltato.
Riscoprire alcune di quelle testimonianze, in questo caso principalmente nell’Umbria Sud e nelle zone circostanti, è un modo di celebrare un avvenimento che cambiò il mondo e la vita di ogni famiglia italiana.

 

VAI ALLA FOTOGALLERY⇒

 

Rosa, giovane e bella, beve ammoniaca per uccidersi

 

5 febbraio 1897

Rosa aveva 19 anni, “una bellissima bionda, snella ed elegante”, scrissero i giornali del 5 febbraio del 1897. Era ternana, ma da qualche mese abitava a Roma. Suo marito, conosciuto e sposato a Terni, era un magistrato ed era stato trasferito nella capitale.

Continua a leggere Rosa, giovane e bella, beve ammoniaca per uccidersi

Troppo grosso il tassista, e il giovanotto rinuncia alla rapina

26 dicembre 1952

I pochi soldi che gli erano rimasti in tasca li investì comprando un coltello con cui, nei suoi disegni, avrebbe compiuto una rapina. D’altra parte la camera dell’albergo nel centro di Terni era costata più di quel che pensasse e quindi… Mica poteva fare la figura del morto di fame con la ragazza con la quale aveva alloggiato in quell’albergo la notte di Natale, facendo il gradasso e mostrando una disponibilità economica che non aveva. Continua a leggere Troppo grosso il tassista, e il giovanotto rinuncia alla rapina

Elezioni comunali 1860: a Terni 230 candidati e 232 votanti

terni

L’11 novembre 1860

per le prime elezioni comunali che si svolgevano dopo il plebiscito e l’annessione dell’Umbria al Regno d’Italia, a Terni si presentarono 230 candidati. Non pochi certo per una cittadina che allora aveva poco più di dodicimila abitanti. Il fatto singolare è però che a scegliere tra i 230 candidati, furono 232 votanti, appena due in più.  Continua a leggere Elezioni comunali 1860: a Terni 230 candidati e 232 votanti