Meno acqua per le mole del vescovo: il comune di Terni rischia la scomunica

9 novembre 1551 – Andò su tutte le furie il vescovo di Terni quando gli incaricati del Comune di Terni decisero di ridurre la quantità d’acqua che la Mensa Vescovile poteva trarre dal canale Sersimone. Con quell’acqua si attivavano le mole e le cartiere che il vescovado manteneva in esercizio all’interno del recinto di quello che era stato il monastero di San Paolo…

Continua a leggere

Annunci

Baiano, il parroco arrestato per blocco ferroviario

Baiano di Spoleto, 9 giugno 1964

Sul mandato di cattura c’era il nome di Vittorio Bellomi. Mancava però un “don”, perché Vittorio Bellomi era il parroco di Baiano di Spoleto e quella mattina i carabinieri andarono a prelevarlo proprio in parrocchia.
Finì in carcere, accusato del reato di blocco ferroviario, per aver “fermato” un treno alla stazione di Giuncano. Continua a leggere

Il vescovo ai Ternani: “Sottoscrivete il prestito Littorio, vi conviene”

2 dicembre 1926

“Potrà sembrarvi strano che io mi rivolga a voi per uno scopo in apparenza estraneo alle visioni e ai doveri del mio Ministero, ossia per raccomandarvi di contribuire con la parola, e più con l’esempio, alla migliore riuscita del prestito del Littorio”.

Non si bagliava, il vescovo di Terni e Narni, Cesare Boccoleri. Strano era strano. Continua a leggere

Il papa esilia a Montefalco il cardinale dalle idee troppo liberali

 

Montefalco 1910

Montefalco, panorama

30 ottobre 1896

La sua colpa? Fu quella di aver fatto un brindisi alla salute di Francesco Crispi, primo ministro del Regno d’Italia, già per questo non visti di buon occhio in Vaticano, Continua a leggere

Parroco assassinato con la stricnina nel calice della messa

 

chiesa tre

La chiesa parrocchiale di Fabbri

Il 19 ottobre 1934

L’aula della corte d’Assise di  Spoleto era gremita. Cominciava quella mattina il processo per l’assassinio del parroco di Fabbri, una frazione tra Foligno e Montefalco, avvelenato con la stricnina che qualcuno aveva messo nell’ampollla del vino e che poi lo stesso prete aveva versato nel calice. Continua a leggere

L’arcivescovo di Spoleto schedato dai carabinieri

Ottobre 1949

Radossi

Monsignor Raffaele Radossi arcivescovo di Pola e di Spoleto

Che l’arcivescovo di Spoleto andasse seguito con un’attenzione tale da richiederne la schedatura da parte dei carabinieri era sembrato a tutti impossibile. Eppure Continua a leggere

Cacciati i francesi, a Terni ritornano i Gesuiti

Il 20 agosto 1814

A Terni il Consiglio dei Reggenti, istituito con la restaurazione del governo pontificio dopo il periodo napoleonico, propose il ripristino del Collegio dei Padri Gesuiti, i quali in città avevano già monopolizzato l’insegnamento Continua a leggere

Cascia, monache truffate da falsi antiquari

L'arrivo di un gruppo di turisti a Cascia alla fine del 1800

L’arrivo di un gruppo di turisti a Cascia alla fine del 1800

13 agosto 1887
Si spacciarono per commercianti di oggetti antichi, di passaggio a Cascia per il Ferragosto. “Trovandoci qui – dissero – abbiamo pensato Continua a leggere

Terni ridiventa diocesi dopo sei secoli

16 luglio 1218

 

Marmore Monte San'Angelo

Ricostituita in Diocesi, Terni acquista il territorio comprendente Marmore, la Rocca di Monte Sant’Angelo e Papigno (Affresco Diocesi di Terni- Part.-Fotorip. A.Mirimao)

Il Papa Onorio III, con un Breve, ordinò vescovo di Terni il frate Rainero con ciò aderendo alle richieste dello stesso frate e delle autorità municipali ternane che avevano chiesto, nel 1216, Continua a leggere

La Confraternita del Carmine diventa una banca

Madonna del Carmine Passeggiata

La chiesa della Madonna del Carmine a Terni, prima del restauro (foto Enrico Valentini)

La Confraternita era nata con il compito ufficiale di scoraggiare i bestemmiatori. E così gli aderenti frequentavano le bettole allo scopo di rimbrottare chi bestemmiava ricordandogli che si macchiava di un grave peccato. In realtà, però, la Confraternita della Beata Vergine del Carmine, a Terni, Continua a leggere