Archivi tag: Preci

Fantino di Preci innamorato pazzo uccide l’amata e sua madre

1 dicembre 1916 – Sarà mia o di nessuno. Fu questo il pensiero che sconvolse la mente di un giovane di Preci innamorato senza speranza. E così Settimio Salvucci, 28 anni, decise di chiudere la storia e sparò all’amata, uccidendo lei e la madre che era accorsa.

Continua a leggere

Annunci

Prima del terremoto/ Luoghi colpiti: Preci

Com’erano i luoghi distrutti dal terremoto prima della tragedia? Una serie di foto scattate in tempi recentissimi e, quando possibile, qualche immagine di raffronto dopo l’evento sismico. Non tutto quello che è rappresentato nelle fotografie è ormai cancellato. Molte delle strutture hanno riportato solo lievi danni.
Vedi foto

Terremoto: tra Preci e Norcia, è crollata la chiesa con lo “spot” sul pavimento

Col terremoto del 26 ottobre 2016 è’ crollata la chiesa di San Salvatore a Campi di Norcia, Un gioiello del XIV secolo è scomparso in pochi secondi. La chiesa era stata già seriamente danneggiata in precedenza a causa di altri movimenti tellurici. Era stata Continua a leggere Terremoto: tra Preci e Norcia, è crollata la chiesa con lo “spot” sul pavimento

Preci, lapide “misteriosa” in Municipio

Preci Municipio
Preci, la lapide contro le “inique sanzioni”

«18 Novembre 1935 – XIV – A ricordo dell’assedio perché resti documento nei secoli dell’enorme ingiustizia consumata contro l’Italia alla quale tanto deve la civiltà di tutti i continenti».Una frase roboante, impegnativa, che sfida il mondo incisa su una lastra di marmo. Senza alcun riferimento specifico che aiuti a capire. Anche perché: che ci fa una lapide del genere sulla facciata del Municipio di Preci? Com’è che un paesino della Valnerina, sull’Appennino sentì, ottant’anni fa, l’esigenza di digrignare i denti verso i regimi “plutocratici e massoni”? Interpellato a suo tempo, il sindaco di Preci se la cavo così: «Boh! Mi pare strano che gli abitanti di Preci se la siano presa tanto per le sanzioni contro l’Italia per la guerra d’Etiopia…».
Infatti. Quella lapide, si decise a Roma, doveva essere affissa sulla facciata di tutte le sedi municipali d’Italia. Il 18 novembre 1935 è il giorno in cui entrarono in vigore le sanzioni economiche decise, ai primi di ottobre, dal consiglio della Società delle Nazioni, l’Onu di allora, contro l’Italia dichiarata Stato aggressore, dato che il suo esercito era entrato in armi nell’Etiopia. Le sanzioni consentirono al fascismo di avviare una grande operazione di propaganda che giocava sull’“iniquità” della deliberazione della Società delle Nazioni, la quale vietava di vendere all’Italia armi, munizioni e materiali per l’industria bellica oltre che di far credito o prestiti e commerci con uno stato che aveva scatenato una guerra. Eccolo “l’assedio”. Ma le sanzioni, in concreto, ebbero effetti minori di quanto s’era temuto, anche perché gli Stati Uniti si dichiararono neutrali e continuarono così a rifornire l’Italia di petrolio e altre materie prime. La propaganda del regime ebbe, però e comunque, un effetto considerevole. Poi, passata la buriana, alcuni sindaci (la maggior parte) quelle lapidi le fecero rimuovere, altri avevano cose più urgenti cui pensare. Senza contare che qualcuno, quindici e più anni dopo non sapeva nemmeno più a cosa si riferisse di preciso quella frase sdegnata contro la “plutocrazia”. A Preci, tra una scossa di terremoto e l’altra, è accaduto proprio così; la lapide è rimasta lì. E oggi resta come testimonianza di un pezzo di storia italiana.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Preci, lapide “misteriosa” in Municipio

Notizie su Preci. Clicca

Vedi anche ⇒

Fortunato, il killer della Valnerina

 

Acquaro, il piccolo centro della Valnerina sconvolto dalle gesta del killer
Valnerina: Acquaro, il piccolo centro del Comune di Preci sconvolto dalle gesta del killer

Erano in trecento a cercarlo: carabinieri, poliziotti, forestali, vigili del fuoco, persino uomini dei corpi speciali, armati fino ai denti e protetti dai giubbotti antiproiettile. Tutti sguinzagliati sui monti della Valnerina. Mentre un elicottero volteggiava senza sosta. Ma lui, Fortunato Ottaviani, 63 anni, li tenne in scacco per un’intera settimana, dal 12 all’alba del 20 ottobre 1998. Centinaia di uomini: e grappoli di giornalisti, giunti a Preci per raccontare della caccia al “Killer della Valnerina”. La Rai si era mossa in grande stile. Era arrivata anche una troupe di una rete televisiva tedesca. E per sette giorni Fortunato Ottaviani, fu il mostro da sbattere in prima pagina. D’altra parte non è che lui ci fosse andato giù liscio. Ad Acquaro, frazione di Preci, il 12 ottobre 1998 freddò con due colpi di fucile da caccia un giovanotto di 34 anni; mezz’ora dopo, nello stesso modo, ammazzò il padre. Poi scappò nei boschi dei monti Sibillini. Non doveva trattarsi di un bello stare per uno di una certa età, che quando era scappato era in maniche di camicia. Per di più, in quei giorni, pioveva che la mandava. Ma Fortunato traeva energie dal furore della vendetta. «Sono quindici anni che mi rompete», aveva scritto su di un biglietto lasciato vicino alla sua prima vittima. La caccia all’uomo era subito scattata, ma lo sapevano tutti che il “mostro” si sarebbe fatto trovare solo quando avrebbe deciso lui. Nessuno pensava, però, che sarebbe andata tanto per le lunghe.
Dopo qualche giorno di latitanza Fortunato telefonò ad una donna che conosceva: «Non ho finito – le disse – adesso continuo con voi». «Noi? Che c’entriamo noi se lo conosciamo appena? », chiedeva terrorizzata la donna ai carabinieri. E La paura del killer dilagò, nonostante lo spiegamento di forze: elicotteri che volteggiavano sopra le montagne al confine tra Umbria e Marche; uomini armati di mitragliette. Ai funerali delle due vittime c’erano agenti armati, cecchini sui tetti e il solito elicottero in volo. Roba da telefilm americano. Fortunato faceva paura. Era un uomo esasperato. Uno che in vita sua non era mai andato tanto per le spicce. Sempre solo, andava in giro per le campagne con un “apetto” e il cane dietro, sul cassone. Quindici anni prima era finito in galera. Allora frequentava assiduamente la casa di una vedova, e ne mise incinta la figlia, una ragazzina di 13 anni e personalmente tentò di farle perdere il bambino. La ragazzina rischiò la vita e uno zio denunciò Fortunato, che fu condannato a tre anni di carcere. Troppo pochi, hanno sempre pensato i parenti della ragazzina e la gente. Incancellabili certe azioni così turpi. Quando tornò dal carcere non è che potevano accoglierlo a braccia aperte. Non lo fecero. E finì con l’assassinio di due fra coloro che, congiunti della ragazzina, secondo Fortunato, non la smettevano di fargli pesare le sue malefatte. Gli spari, la morte, la fuga. «Resisterà poco», pensavano tutti. Ma s’era organizzato. Qualcuno ricordò che, pochi giorni prima, aveva speso mezzo milione di lire per comprare roba da mangiare. Ma anche dell’altro: aveva pensato proprio a tutto. Maniche di camicia? Macché. Quando otto giorni dopo lo trovarono morto, indossava maglione e giaccone. Aveva con sé un apparecchio con cui riusciva a intercettare le radio delle forze dell’ordine. Ed era bene armato. Oltre al fucile da caccia, un automatico a cinque colpi, aveva una rivoltella e le munizioni in abbondanza.
Fu trovato senza vita a cento metri dalla casa delle sue vittime. Di notte s’era avvicinato. Aveva deciso di uscire di scena in modo plateale. E tornò lì, sul luogo dei delitti, per spararsi un colpo di revolver in testa. S’era convinto che era l’unica cosa che gli restava da fare: in galera non voleva tornarci più.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Fortunato, il killer della Valnerina

Castelvecchio, la saggezza sulla porta di casa

Castelvecchio, in italiano volgare una massima scolpita su un architrave
Castelvecchio, una massima in italiano volgare scolpita sull’architrave della porta di una casa

Case antiche. Piccole, povere case quando furono costruite, probabilmente tutte insieme, più di 300 anni fa sopra un “montarozzo” a sbalzo sull’alta Valnerina e sulla vallata del torrente Campiano. Castelvecchio, frazione di Preci, nel 2001, ultimo dato ufficiale, aveva 32 abitanti. Continua a leggere Castelvecchio, la saggezza sulla porta di casa