Passignano 1908: al Trasimeno le gare nazionali Rari Nantes

nuoto-1908-2Giornata di sport a Passignano sul Trasimeno il 13 luglio 1908, per le gare di nuoto “indette dalla Società Nazionale Rari Nantes”. Furono gare affollate con nuotatori che rappresentavano le squadre Rari Nantes di Milano, Pisa, Firenze, Roma, Perugia e Arezzo. Ricche le coppe in palio una della quali, splendida (ovviamente) offerta dalla regina Madre. Le gare si svolsero “sotto un sole canicolare”.

Continua a leggere

Annunci

Perugia, tenta l’evasione: “Volevo sapere come sta la mia fidanzata”

uomo-in-manettePerugia, 9 luglio 1958 – Non c’è che dire, quel giovanotto ne aveva d’inventiva, accompagnata a una bella faccia di bronzo. Ma questa sua “dote” non gli evitò i guai. S’era fidanzato Marcello Miliaza di 27 anni, romano, con una ragazza di Perugia. Aveva messo gli occhi sulla zia, della sua fidanzata, zia Rosa, una donna di 55 anni,

Continua a leggere

Mussolini contestato dai fascisti perugini

fascisti (4)“Quel Mussolini lì non ce la racconta giusta. Quello vuol fare la repubblica…”. E alla fine di maggio del 1921 i fascisti perugini, quelli “antemarcia”, si dichiararono decisi a costituire un battaglione indipendente. “Sempre Pronti” lo avrebbero chiamato, Continua a leggere

Giro 1931: Guerra primo a Perugia, Binda si ritira

guerra (2)

Fu una tappa importante, quella del Giro d’Italia del 1931, che il 21 maggio, portò i corridori al traguardo di  Perugia, dopo aver traversato l’intera Umbria. Importante perché ricca di colpi di scena, a cominciare dal ritiro di Alfredo Binda, il campione del mondo,…
Continua a leggere

A Perugia in mostra l’arte umbra: come nel 1907 quando arrivò il Re

il-re.png

Quest’anno, luogo dell’esposizione è la Galleria nazionale dell’Umbria di cui si celebra il centenario, ma nel 1907, ossia 111 anni fa, la Galleria non c’era e sede dell’avvenimento fu Palazzo dei Priori. “Tutta l’Umbria una mostra” .  Tutto, dal titolo alle opere esposte, come allora quando  per l’inaugurazione il 29 aprile 1907 arrivò a Perugia il Re …

Continua

1973, barbone di Stroncone assassinato a Perugia a colpi di pietra

barbone-2-450x330Un barbone. Non dava fastidio a nessuno. Eppure, poco prima dell’alba del 16 aprile 1973, qualcuno lo uccise a colpi  di pietra, a Perugia, a piazza Partigiani, alla stazione degli autobus. Ferdinando, si chiamava, aveva 83 anni ed era umbro, di Stroncone.
Continua a leggere

Tra Perugia e Foligno otto secoli di liti per il fiume Topino

foligno topino (7)

Il primo atto ostile tra Perugia e Foligno che vide come oggetto della contesa il fiume Topino risale al 1253. L’ultimo è dell’anno 2017 e porta la firma del sindaco di Perugia Andrea Romizi. Tutto cominciò quando, appunto alla metà del XIII secolo, i perugini strinsero d’assedio Foligno e per creare maggiori difficoltà ai nemici asserragliati dentro le mura…
Continua a leggere

Il Grifo Magico di papa Leone XIII

pap

Grifo Magico, così era definiva quel gruppo di prelati molto vicini a papa Leone XIII nella seconda metà dell’800. Leone XIII (⇒), il cardinal Pecci il quale era stato per trent’anni arcivescovo di Perugia, salito al soglio nel 1878 succedendo a Pio IX, specie nell’immediatezza dell’insediamento chiamò accanto a sé persone di stretta fiducia. Da lì nacque la chiacchiera di una cordata perugina che la faceva da padrona nella curia romana.

Continua a leggere

1861, nasce la Provincia di Perugia che comprende pure Terni e Rieti

Nel 1861, il 18 marzo,  si riuniva per la prima volta il consiglio provinciale di Perugia, che poi era il consiglio provinciale dell’intera Umbria di oggi più una buona parte dell’attuale provincia di Rieti. E già allora, subito dopo l’annessione al Regno sabaudo, ci fu chi decretò che quella provincia era troppo piccola e quindi andava aggregata ad altre realtà territoriali.

Continua a leggere

Suora sedotta e abbandonata, ma i giudici perugini le danno torto

Non fu un processo facile da sostenere quello su cui la Corte d’Appello di Perugia emise  sentenza il 13 marzo 1909. Era, sì, una causa civile quella che si celebrava, ma al centro del dibattimento v’erano personaggi noti dell’aristocrazia romana e per di più i fatti, accaduti un paio di anni prima, avevano destato clamore e curiosità. In praticava si trattava di una suora oblata che aveva lasciato il velo…

Continua a leggere