Archivi categoria: scelti

Sant’Alò, chiesa romanica “vandalizzata” per secoli

Il danno creato da alcuni giovinastri ai primi di aprile 2017 alla chiesa di Sant’Alò, seppur contenuto, va ad aggiungersi ad una serie di “attentati” compiuti contro quella che è considerata la più importante testimonianza dell’arte Romanica a Terni.

Basti pensare che fino alla metà del secolo scorso era utilizzata come magazzino e deposito da un rivenditore di carbone, il quale, forse per rendere l’ambiente più consono, decise di fare all’interno un nuovo intonaco. Per far sì che il nuovo strato di calce attecchisse furono scalpellati in numerosi punti gli affreschi che adornavano il luogo di culto ormai abbandonato e che, secondo il proprietario considerò probabilmente davvero disdicevoli per un magazzino “moderno”. Il resto della chiesa rimase in stato di abbandono, tanto che l’abside crollò nell’indifferenza generale. Solo nel 1960 la curia rientrò in possesso di Sant’Alò e la riconsacrò.

La chiesa di Sant’Alò

Già in precedenza, comunque, la chiesa era stata tartassata. In origine il portale d’ingresso si trovava su quella che oggi è la parete di sinistra. Alla fine del XIII secolo i padri agostiniani che l’avevano costruita decisero di affiancarle un convento. Per farlo utilizzarono un “progetto” più che disinvolto. Il convento fu costruito proprio addosso alla chiesa (è la casa attualmente esistente) e il portale d’ingresso, chiuso l’originale, fu in pratica spostato sul fianco. In ogni modo ci si preoccupò almeno di far diventare quella facciata adatta alla sacralità del luogo. Il muro fu quindi quasi del tutto ricostruito utilizzando  numerosi frammenti di epoca romana che provenivano probabilmente da monumenti funerari, così come è accaduto – e questo è stato accertato dagli storici – per i due leoni di pietra che stanno agli angoli della porta d’ingresso. Entrambi sono danneggiati da secoli e non sono stati sfregiati – come qualcuno ha creduto – nel corso del recente raid vandalico, che alla fin fine ha provocato il danneggiamento di un vaso di marmo, anch’esso probabilmente proveniente da un monumento funerario. Con l’occasione, anzi, ci si è accorti che un vaso gemello è scomparso. Se non è stato spostato all’interno della chiesa potrebbe aver preso il volo e visto il peso (qualche decina di chili) forse non sarebbe opera di giovinastri “sbevazzati”.

La chiesa, forse costruita sui resti di un tempi romano ddicatao alla dea Cibele,

fu intitolata a Sant’Aloysius diventato poi nell’uso popolare un più sbrigativo Sant’Alò. Sant’Aolysius è un santo francese (in italiano è diventato Eligio) che era protettore degli orafi (e Terni vantava già nel 1400 una propria tradizione orafa) e più in generale di coloro che trattano i metalli col fuoco: i fabbri e i maniscalchi.

Sant’Alò, appartenne ai frati Agostiniani, quindi alle suore francescane e  sembra anche ai cavalieri di Malta e fu commenda comunque di  cavalieri Gerolosimitani, vale a dire del regno di Gerusalemme di cui facevano parte sia i Templari che gli Ospitalieri.

SANT’ALO’: IL VASO SCOMPARSO

 

® Riproduzione riservata

 

Advertisements

Ulisse, il mezzadro che si uccise due volte

4 marzo 1965

Ulisse, un mezzadro che abitava nella zona di Mola di Bernardo, era fermamente deciso ad andare fino in fondo. Voleva farla finita, uccidersi col fucile da caccia. Un fucile calibro 20 ad un solo colpo. Per raggiungere lo scopo fu costretto a spararsi due volte. Continua a leggere Ulisse, il mezzadro che si uccise due volte

Cavallo “rubacuori” processato in Pretura

 

cavallo 2

 

 

11 dicembre 1965

Quel cavallo era il “cuore delle puledre”, un rubacuori che ai Prati di Stroncone era ricercatissimo. E lui, pare, non si faceva certo pregare Continua a leggere Cavallo “rubacuori” processato in Pretura

Campello sul Clitunno, Maria Sole Agnelli è il nuovo sindaco

maria-sole-agnelli-e-il-conte-ranieri-di-campello
Maria Sole Agnelli e il conte Ranieri di Campello

Alla fine di novembre del 1960 Campello sul Clitunno finì sulle prime pagine dei più importanti giornali italiani. Non per le “solite” fonti del Clitunno, attrattiva turistica di pregio, ma per il nuovo sindaco che si insediò dopo le elezioni comunali tenutesi l’8 novembre 1960. Un sindaco che si chiamava Agnelli. Continua a leggere Campello sul Clitunno, Maria Sole Agnelli è il nuovo sindaco

Ternani che gente

libro-ternani

“C’è un vero tesoro di curiosità, informazioni, notizie, ricostruzioni storiche e aneddoti nel nuovo libro di Walter Patalocco… Ternani che gente-Storie di una città, edito da edizioni Thyrus che si sviluppa in 180 pagine illustrate con sottile ironia da Alessio Patalocco

Nel corso del racconto fatto da Patalocco prendono vita personaggi e momenti di vita cittadina così vivi, quasi carnali, che il lettore ha la sensazione di essere testimone diretto di quei fatti e di conoscere uomini e donne di cui Continua a leggere Ternani che gente

Froscianti, una vita spesa per “Fare l’Italia”

froscianti
Giovanni Froscianti

 

Il 20 novembre 1811 a  Collescipoli nacque Giovanni Froscianti, uno degli amici più devoti di Giuseppe Garibaldi che seguì in tutte le sue battaglie a cominciare dal 1848 e con lui visse per anni a Caprera svolgendo i compiti di segretario personale del Generale. Una vita avventurosa, passata per la gran parte in battaglia per “fare l’Italia” o in esilio.. Continua a leggere Froscianti, una vita spesa per “Fare l’Italia”

Elezioni comunali 1860: a Terni 230 candidati e 232 votanti

terni

L’11 novembre 1860

per le prime elezioni comunali che si svolgevano dopo il plebiscito e l’annessione dell’Umbria al Regno d’Italia, a Terni si presentarono 230 candidati. Non pochi certo per una cittadina che allora aveva poco più di dodicimila abitanti. Il fatto singolare è però che a scegliere tra i 230 candidati, furono 232 votanti, appena due in più.  Continua a leggere Elezioni comunali 1860: a Terni 230 candidati e 232 votanti

Terni, primo atto del Comune per la “Strada dei quartieri”

I lavori per la strada dei quartieri a San Giovanni (foto E.Valentini)
I lavori per la strada dei quartieri a San Giovanni (foto E.Valentini)

Il 6 novembre 1967

Al Comune di Terni, il consiglio approva l’atto che consente l’acquisizione di un mutuo di 360 milioni di lire, destinato a avviare al costruzione di una “grande arteria di raccordo dei quartieri Continua a leggere Terni, primo atto del Comune per la “Strada dei quartieri”

In bicicletta sbanda e muore lungo la discesa della Somma

La vecchia sttrada della Somma com'è oggi
La vecchia strada della Somma com’è oggi

12 ottobre 1921
Incidente stradale mortale lungo la discesa della Somma. Vi ha perso la vita un giovane di 19 anni, Salvatore Fiorani, abitante a Montefalco. Stava percorrendo in bicicletta Continua a leggere In bicicletta sbanda e muore lungo la discesa della Somma

1898, a Terni nasce un campione di nome Baconin

Baconin Borzacchini
Borzacchini alla Targa Florio del 1932

28 settembre 1898
Alle 2,15 della notte nasce a Terni colui che diventerà un asso dell’automobilismo sportivo. I genitori, Maria Laudomia Ristei ed il padre Remo simpatizzante della propaganda di sinistra fatta dall’esule russo Michail Bakunin, lo registrano all’anagrafe con il nome di Baconin, seguito dai più usuali Francesco e Domenico. Baconin, diventerà poi Mario Umberto. Di cognome Borzacchini. Continua a leggere 1898, a Terni nasce un campione di nome Baconin