Allarme M5S: “Borgo Rivo, l’area più inquinata dell’Umbria”

Consglieri del Movimento Cinque Stelle

“A dicembre 2022 Borgo Rivo è stata l’area più inquinata dell’Umbria”. Il gruppo consiliare al Comune di Terni del Movimento Cinque Stella, lancia l’allarme. “Valori allarmanti e “anomali” di polveri sottili sono stati registrati nell’ultimo mese nella centralina Arpa situata nel cortile della Scuola Media “Giovanni XXIII”, soprattutto se confrontati con le serie storiche in relazione con le altre stazioni di rilevazione presenti in città e in regione – scrivono in una nota i consiglieri M5S – Nel mese di dicembre 2022 per 15 giorni si è superato a Borgo Rivo il valore limite di 50 μg/m3 stabilito dal d.lgs 155/2010. È il dato peggiore della regione, comprese le centraline situate in aree industriali. Tutto questo considerando che il dicembre 2022 è stato il mese più piovoso dell’anno dopo settembre, con precipitazioni quasi ininterrotte dal 2 al 5 e dall’8 al 16 dicembre. Praticamente si è avuto un superamento per quasi ogni giorno in cui non si sono registrate piogge. Sono dati che sconvolgono il quadro delle rilevazioni degli ultimi 10 anni”.

I consiglieri M5S si basano sui dati degli ultimi anni secondo cui nella centralina di Borgo Rivo i livelli di pm10 sono stati sempre tendenzialmente più bassi o in linea con quelli di Le Grazie e Carrara e soprattutto decisamente più bassi di quelli registrati nell’area industriale di Maratta dalla centralina posta a poche centinaia di metri dall’inceneritore. “Se consideriamo i valori registrati durante il 2022 fino al 30 novembre a Borgo Rivo si erano registrati solo 18 superamenti dei limiti di legge, contro i 20 di Carrara, i 26 di Le Grazie, mentre nelle centraline industriali si erano registrati 38 sforamenti a Maratta 16 a Prisciano – aggiungono – Tendenze simili erano state registrate lo scorso anno con la centralina di Borgo Rivo che nel dicembre 2021 aveva registrato una qualità dell’aria migliore rispetto a Le Grazie, Carrara e Maratta. A dicembre 2022 però cambia tutto, 15 sforamenti a Borgo Rivo, 9 a Le Grazie, 5 a Carrara, 9 a Maratta e solo 1 a Prisciano con una media mensile di pm10 che a Borgo Rivo arriva a 51  µg/m3 , quasi il 25% in più rispetto a Le Grazie (42 µg/m3), Carrara (38 µg/m3) e Maratta (43 µg/m3)”.

Come mai? “Per dare una spiegazione a questo fenomeno viene spontanea l’associazione con le modifiche alla viabilità intervenute a fine novembre che hanno coinvolto la rotatoria di piazzale Marinai d’Italia, più comunemente conosciuta come la rotonda del ‘Tulipano’ che molti disagi hanno creato agli automobilisti e che nelle ore di punta hanno reso il quartiere invivibile. I dati sono abbastanza eloquenti e non lascerebbero spazio a molte altre interpretazioni”.

Ma può una rotonda seppur complicata quasi con sadismo giustificare certe sensibili variazioni? Probabilmente ha giocato un ruolo, in generale, l’apertura di nuove aree commerciali che hanno portato ad uno squilibrtio sensibile dei flussi di traffico verso l’area stadio-ponte le Cave-Borgo Rivo. Fattostà che, come affermano i consiglieri dell’M5S “Vista la rilevanza del fenomeno che oltre alle ripercussioni di carattere sanitario sulla popolazione residente potrebbe portare a nuove procedure di infrazione con sanzioni da parte dell’Unione Europea riteniamo necessario monitorare attentamente la situazione nei prossimi giorni ed eventualmente intervenire senza indugio con le opportune scelte volte a garantire la salute dei cittadini e la vivibilità di una delle aree più densamente popolate della conca ternana”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...