Parco Sibillini, dopo il lupo Merlino è arrivato il lupo Michele

Lupo Michele

C’è il lupo Michele, ora, al posto di lupo Merlino che, a tredici anni e mezzo, s’è dovuto arrendere al ciclo biologico della vita. Merlino era stato “adottato” dal Parco, perché quando fu individuato e salvato nel 2009, era stato abbandonato dal gruppo. Michele (che si chiama così in ricordo della Guida Michele Sensini, scomparso quest’anno presso il lago di Fiastra) è stato catturato e marcato con radiocollare satellitare nel territorio di Cessapalombo.

E’ un cucciolo maschio di circa 7 mesi di età e del peso di 25 kg, in buono stato di salute. Le operazioni sono state condotte dallo staff dell’Istituto di Ecologia Applicata di Roma, in collaborazione con i tecnici del Parco, i
carabinieri forestali e i ragazzi dell’associazione “L’occhio nascosto dei Sibillini”.

“Sono operazioni importanti perché consentono di mappare le aree di movimento dei lupi e contribuiscono a meglio conoscere le abitudini di questa specie” sottolinea il presidente del Parco, Andrea Spaterna. “Consideriamo il lupo un animale simbolo del territorio, e per questo abbiamo pensato di chiamarlo Michele,
in ricordo della guida, Michele Sensini”.

Il lupo, così come la flora e la fauna presenti nel Parco, è costante oggetto di ricerca da parte dei tecnici, anche per capire come meglio accompagnarne la gestione in rapporto all’antropizzazione dei territori e alle
attività zootecniche. WOLFNEXT interviene su questi aspetti favorendo lo scambio di metodologie comuni e buone pratiche tra i soggetti partner, in particolare per quel che riguarda le interazioni tra lupo e allevatori
nell’ottica di una coesistenza virtuosa che tuteli l’animale e le attività.

“WOLFNEXT – Parchi a sistema per il futuro del Lupo in Italia (2022-2024)”, è un progetto di studio e monitoraggio dei lupi finanziato nell’ambito della direttiva “biodiversità” 2021 del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, che coinvolge tutti i parchi nazionali italiani implicati nella conservazione e gestione di questo carnivoro, con il coordinamento del Parco nazionale della Majella.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...