Moff’Art e la Foresta di Dunarobba diventa centro motore di turismo

Si chiama Moff’art e sarà al centro delle inziative  dell’edizione 2022 di Acquamadre/Nonfestival, un programma di eventi inerenti le scienze, arti&arti applicate ideato dalla cooperativa Surgente che si svolgerà ad Avigliano Umbro dal 3 all’11 settembre. Un eventoche quest’anno è dedicato, appunto, all’inaugurazione del Moff’art, il Museo Open della Foresta Fossile di Dunarobba, ad Avigliano Umbro: 50 chilometri quadrati di pura bellezza ed eventi per 365 giorni all’anno, che traccia così una nuova strada e una nuova visione nel vasto mondo dei cosiddetti “musei open” o a “cielo aperto”.

Massimo Manini

Il Moff’art, è stato spiegato dal presidente di Surgente Massimo Manini (anche direttore artistico dell’evento) e dal vice sindaco di Avigliano Umbro, è infatti la sintesi concettuale e materiale di un processo creativo ed economico insieme, frutto di quella capacità di ottimizzare gli elementi che non tutti hanno. L’opera, realizzata insieme all’amministrazione comunale, vuole privilegiare la persone e il territorio.  Coniuga infatti pensiero, arte e tecnica, mettendo in equilibrio persone, ambiente e paesaggio, definendo una nuova idea di “Spazio espositivo all’aperto”, in cui la Comunità e i suoi Beni patrimoniali sono i principali e permanenti protagonisti. Perché il Moff’art non è il luogo in cui l’arte o l’operato umano si fissano in “un tempo che ora è già passato”: è invece un “non luogo presente e futuro”, in cui ogni giorno “la vita si trasforma” offrendo al territorio, nuovi spunti su cui riflettere. Come in ogni museo, anche il Moff’art ha il suo “corridoio” e le sue “stanze”.

Il sentiero dei sensi ridesti – Con i suoi 5 storici borghi (Avigliano Umbro, Dunarobba, Sismano, Toscolano e Santa Restituta), un cammino di 50km da percorrere a piedi o in mountain bike, ideato per risvegliare i tanti sensi di ognuno. Tra “una stanza e l’altra”, le infinite finestre che si affacciano su un “giardino coltivato a umanesimo” del più giovane Comune dell’Umbria, regalando vedute e paesaggi di “nobili semplicità”. È questo che rende straordinario il contenitore Moff’art, il cui concetto più approfondito, troverà spazio in una Guida e una Cartina opportunamente dedicate, oltre alle tracce gpx utili a camminatori e bikers.

In una concezione museale del territorio, Acquamadre/Nonfestival è la legenda che sta all’ingresso di questa “galleria d’arte varia”, indirizzando i percorsi dei visitatori attraverso esperienze interdisciplinari: non per porli nel mezzo di un confronto, ma per offrire loro possibili punti di vista su un unico tema, che quest’anno è interiormente. Tanti gli appuntamenti lungo un programma di 5 giorni distribuito in due weekend, sabato 3 e domenica 4, e poi a chiudere venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 settembre, per declinare il tema in base al proprio ambito.

Le giornate d’inaugurazione del Moff’art e Il Sentiero dei Sensi Ridesti sono realizzate, in collaborazione con l’Associazione Commercianti di Avigliano Umbro “Viviavigliano” e alcune associazioni locali che hanno voluto aderire: Croce Rossa, Protezione Civile e DRAST di Avigliano Umbro, SFAU, Proloco, Avigliano Variopinto, Circolo Acli di Sismano, Proloco di Dunarobba, Dominio Collettivo e Associazione La Castagna di Santa Restituta, Circolo ANSPI di Toscolano. Acquamadre/Nonfestival, è un progetto ideato e realizzato dalla Cooperativa di Comunità Surgente, patrocinato dal Comune di Avigliano Umbro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...