Alla fabbrica d’armi sciopero per il salario e la pace

Lo sciopero proclamato il 31 marzo 1920 a Terni, dai dipendenti della Fabbrica d’Armi – “uno dei maggiori opifici di Stato”, si specificava nel dispaccio telegrafico dell’agenzia che diffuse la notizia in tutta Italia – non  era una decisione presa solo allo scopo di ottenere miglioramenti salariali, ma anche in rispetto ed a sostegno di una ideologia pacifista.

Continua a leggere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...