Cronache umbre del passato/ Dicembre

carbonella

3 dicembre 1940 – E’ reso noto il numero dei veicoli che, provincia per provincia, circolano utilizzando carburanti autarchici: dai disparati composti chimici alla carbonella. Ma a Terni l auo a carbonella non piacciono. In tutta la Provincia ce ne sono solo 13, su un totale per l’Italia (la rilevazione è del primo novembre) essi erano 6686, il 91,6 per cento dei 7294 veicoli circolanti in totale. Più virtuose le province di: Roma, con 462 vetture; Milano (367), Genova (178), Torino (166). Perugia poteva vantare 96 veicoli “nazionali”.

10 dicembre 1932 – Il capo del governo, Benito Mussolini, riceve a Palazzo Chigi il Prefetto, il Preside della Provincia, il Podestà e il segretario federale di Terni che gli mostrano il lavoro fatto e quello da avviare. Mussolini ha espresso il suo compiacimento per l’attività svolta dalle gerarchie ternane.

10 dicembre 1932 – Avvincendamento di provveditori agli studi a Perugia: il dottor Marino Paroli è trasferito a Trieste, mentre al suo posto a Perugia arriverà da Bologna il dottor Giovanni Croci.

13 dicembre 1929- Arrestati a Terni tre truffatori: Antonio Serra, Giuseppe e Attilio Moroni. L’accua per i tre è di essere stati gli “autori di una scaltra truffa all’americana – riferisce l’agenzia di stampa – con la quale riuscirono ad accalappiare certo Sebastiano Loi di Livorno rubandogli trentamila lire”.

16 dicembre 1924 – A Foligno e a Terni era già stato costituito, a Perugia nasce nel corso di una riunione notturna il Comitato delle opposizioni al Fascismo: vi aderivano i partiti: Popolare, Socialista Unitario, Socialista Italiano, Repubblicano, Unione Nazionale, e i gruppi della Rivoluzione liberale e dell’Italia Libera.

19 dicembre 1924 – Sciopero dei quattrocento operai dello stabilimento Alterocca a Terni. Hanno chiesto  un aumento della paga, ma è stato loro rifiutato. In corso trattative per il componimento della vertenza.

21 dicembre 1929 – Guido Ramaccioni e Lorenzo Amati sono nominati podestà a Perugia e Terni. Ramaccioni è iscritto al partito fascista dal 1° aprile 1921; tenente di complemento di artiglieria, fu in zona di operazioni per 28 mesi guadagnamdosi una medaglia di bronzo al valor militare, è seniore della Milizia. Vanta due ferite per causa fascista, è laureato in scienze economiche e sociali ed è direttore del Patronato provinciale d’assistenza sociale.
Lorenzo Amati, nuovo podestà di Terni, è iscritto al partito fascista dal 24 maggio 1921; capitano di fanteria fu in zona di operazioni per 39 mesi; fu segretario del Fascio di Terni prima della marcia su Roma, membro della Giunta Provinciale Amministrativa, fu podestà di Terni, comandò la legione umbra nella marcia su Roma (definita nel comunicato ufficiale tout court “l’azione del 17-28 ottobre 1022”), è laureato in legge.

27 dicembre 1913 –  La Camera di commercio della Provincia di Perugia annuncia che dal 1° gennaio 1914, per andare incontro alle richieste dei commercianti e delle società industriali umbre, sarà emesso un nuovo biglietto di abbonamento ferroviario per l’Umbria con itinerario esteso ai più importanti centri delle regioni limitrofe.

la previdente coop
31 dicembre 1913– Per festeggiare il capodanno a Terni, nella sede della cooperativa “La Previdente”, si tiene la Festa del Garofano Rosso, organizzata dai giovani socialisti: veglia danzante, lotteria e ricchi premi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...