Per debiti gli sequestrano casa: lui la fa saltare in aria

Città della Pieve, 15 novembre 1881 – Per debiti gli sequestrarono la casa e lui, pr tutta risposta,  la fece saltare un aria con una mina. Il fatto fu che, almeno da quel giorno, ebbe a disposizione un alloggio senza spendere niente: le patrie galere. C. (così, con l’iniziale del solo cognome, viene indicato nelle cronache del tempo) era in ritardo col pagamento delle tasse. Un ritardo consistente, che aveva fatto lievitare in maniera considerevole la somma dovuta. Cosicché ad un certo punto gli fu notificata l’ordinanza di sequestro. Un avvocato, B., comprendendo le difficoltà dell’uomo fece in modo che venisse indicato come custode dell’immobile, dove sarebbe potuto rimanere finché avesse pagato la pigione. Cosa che C. si guardò bene dal fare, cosicché fu messo fuori dalla porta.

Ma non appena fu notte ecco la mossa disperata: una bella mina e così la casa diventò un mucchio di macerie. Lo arrestarono subito.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...