Vendono alle acciaierie 1600 quintali di sassi spacciati per rottame ferroso

Truffa a danno delle acciaierie di Terni. Con questa accusa l’11 maggio 1951 fu spiccato mandato d’arresto per due commercianti, Nicola D’Agostino e Fedele Schianaia. Il mandato fu notificato ai due nel carcere di Napoli, dov’erano stati arrestati per altre truffe.

rottamiD’Agostino e Schianaia s’erano spacciati per i titolari di una società che commerciava in rottame di ferro e tramite un mediatore erano entrati in contatto con la “Terni” a cui spedirono milleseicento quintali di “merce”, che arrivarono mediante vagoni ferroviari,

Il fatto fu che unico materiale ferroso era una modica quantità di scatolame di ferro marcite mentre per il resto i vagoni ferroviari erano stati caricari con terriccio e sassi.  Arrestato, per primo, fu il mediatore che aveva, tra la’ltro, contrattato il prezzo di acquisto: 33 lire al chilo. I tre truffatori avevano portato a compimento un affare da 5 milioni e 280 mila lire del tempo: più di novantamila euro di oggi.

®Riproduzione riservata
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...