Padre, figlio e nipote uccisi dalla scoppio di un residuato bellico

18 aprile 1951

Un colpo di vanga, mentre stavano al lavoro nei campi, ed è stata una tragedia. Tre i morti: padre, figlio e nipote. La vanga ha colpito una mina che è esplosa.

Accadde a Castelrigone di Passignano, sul lago Trasimeno, in località Rugiaia.

Persero la vita in un attimo Olinto Berioli, 72 anni, suo figlio Pasquale di 45 anni ed il figlio di questi Ottorino, 17 anni.

 

⇒SEGUI ANCHE…

Immagine

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...