Spoleto 1947, il sindaco intasca mezzo milione di lire del Comune

Il 2 aprile 1947,
il sindaco comunista di Spoleto, professor Gaetano Valentini, fu costretto alle dimissioni, perché denunciato con l’accusa di essersi appropriato di mezzo milione di lire (circa diecimila euro di oggi) sottratto dalla cassa del Comune. Il professor Valentini aveva già subito una condanna a dieci mesi per diserzione. Dopo lo scandalo e la denuncia è stato ricoverato al manicomio di Perugia. La sezione del Pci lo ha espulso.
Innegabile lo stato difficoltà sopravvenuto nella sezione di Spoleto del partito comunista, che si riunì il giorno dopo, ta per valutare il da farsi. Prima decisione assunta fu comunque quella di dichiararsi disposti a rifondere al Comune la somma venuta a mancare versando l’equivalente sul fondo a favore dei sinistrati di guerra e per i danni subiti dal Comune.

®Riproduzione riservata
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...