L’addio a Luigi Mancinelli, grande musicista orvietano

2 febbraio 1921

mancinelli_luigi
Luigi Mancinelli

Un malore improvviso, tanto grave che Luigi Mancinelli spirò dopo pochi minuti, nella sua abitazione romana, davanti alla moglie e ai familiari. Luigi Mancinelli, il grande musicista orvietano, aveva 73 anni. Iniziò la carriera come violoncellista alla Pergola di Firenze. Aveva poco più di vent’anni. E a Firenze ebbe i primi successi, da musicista del Liceo Filarmonico.

La consacrazione quale artista di grande pregio l’ebbe in qualità di direttore d’orchestra nei concerti al Trocadero (nel 1878,  trent’anni). Sull’onda di quel successo parigino fu chiamato alla Scala a sostituire il direttore d’orchestra Franco Faccio. Nonostante la giovane età Mancinelli era già considerato uno dei migliori direttori d’orchestra italiani. Non per caso andò, tre anni dopo, a dirigere il conservatorio musicale  che rilanciò, grazie alla sua frenetica attività

Direttore d’orchestra, ma anche compositore molto apprezzato dalla critica. Compose melodrammi (“Ero e Leandro”, “Paolo e Francesca”) musica sinfonica (“Scene venziane” e l’ouverture e gli intermessi di Cleopatra), oratorii (Sant’Agnese).

A lui è stato dedicato il teatro più grande di Orvieto.

®Riproduzione riservata
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...