Terni, il Comune entra nel business delle farmacie

farmacia

Il consiglio comunale di Terni, quel 4 dicembre 1963, si era aperto con un minuto di silenzio in ricordo
di John Kennedy, assassinato pochi giorni prima. Poi, dichiarata eleggibile Anna Lizzi Custodi che nell’assemblea prendeva il posto del dimissionario Giovanni Grassi, si passò al primo punto all’ordine del giorno: l’Istituzione dell’Azienda Farmaceutica municipalizzata.
Il Comune di Terni, sollecitato ad un riordino del sistema delle farmacie cittadine, aveva deciso di intervenire in proprio, aprendo due punti vendita: a piazza Dalmazia e al quartiere San Giovanni.
La questione animava da tempo la discussione nelle sedi politico-amministrative cittadine.

Assessore comune di Terni anni 1960
Ovidio Laureti

Ovidio Laureti, l’assessore “al ramo”, illustrò i motivi della scelta. «Aprendo le due farmacie
– sostenne – l’amministrazione comunale non soltanto potrà svolgere un’azione calmieratrice, come è nelle sue principali previsioni, ma potrà altresì svolgere il servizio farmaceutico gratuito per i 1.688 poveri assistiti e per i quali si spendono, in medicinali, oltre sedici milioni di lire l’anno». Aggiunse che le farmacie comunali
avrebbero potuto «acquisire come clienti gli assistiti Inadel che solo per i medicinali ha una spesa annua di venti milioni». Un’entrata garantita ed iI guadagno, per l’Azienda farmaceutica, già c’era. Cresciuta la popolazione – spiegò Laureti – i farmacisti privati hanno chiesto l’aumento dei punti vendita. Lo spazio di mercato, quindi c’era. e ciò significava che l’iniziativa del Comune era destinata ad avere un risconto positivo nel bilancio dell’ente.
Le opposizioni avanzarono alcuni dubbi. Il Pri, col consigliere Quirino Bellezza, e la Dc, con Renato Rinaldi, criticarono il fatto che le due nuove farmacie sarebbero state aperte in zone già servite; il consigliere del Msi, Marcello Pazzaglia puntò invece il dito sui compensi previsti per il personale «che – disse –  non sono rispondenti alla realtà, in quanto i farmacisti chiedono stipendi superiori alle tabelle sindacali in vigore». E c’era chi si chiedeva «se l’amministrazione comunale, con la sua gestione, sarebbe stata capace di realizzare i forti guadagni che riescono ad assicurarsi i farmacisti privati».
Qualcuno di quei nodi, col passare degli anni, è in verità arrivato al pettine, ma allora tutto passò in secondo piano in considerazione del fatto che, se non subito, molto presto l’Afm avrebbe prodotto vantaggi sul piano sociale quantp agendp come freno «alla speculazione dei farmacisti privati», tanto più che – specificò nel suo intervento il sindaco Ezio Ottaviani – il servizio delle farmacie municipalizzate, dopo un avvio economicamente valido (le farmacie in piazza Dalmazia e quartiere San Giovanni), sarebbe stato esteso a tutto il territorio comunale. Ma bisognava far presto a decidere – aggiunse Ottaviani – perché i privati premevano per aprire, loro, quei punti vendita”. In merito alla scelta dei luoghi di apertura delle due nuve farmacia non mancarono le difficoltà e prima di apporvare il progetto il Comune di Terni dovette attendere l’esito di un ricorso avanzato al Consiglio di Stato, il quale lo accolse, contro l‘imposizione del medico provinciale. Il responsabile per la sanità aveva infatti posto il veto all’apertura di una farmacia nel popoloso quartiere di San Giovanni ed aveva invece imposto che la si aprisse nella frazione di Marmore.

Dopo l’intervento del sindaco Ottaviani, comunque, Nicola Molè, consigliere di opposizione sui banchi della Dc, chiese la sospensione della seduta per cercare un accordo tra i capigruppo, e dopo pochi minuti si votò. I contrari furono solo tre: Alberto Coppo, Marcello Pazzaglia ed Ermanno Donatelli. Tutti gli altri dissero di sì. E nacque l’Afm.

®Riproduzione riservata

Le farmacie comunali 43 anni dopo

Le organizzazioni sindacali ternane Filcams Cgil e Uiltucs Uil tornano a ribadire con forza tutta la propria contrarietà all’ipotesi di vendita delle farmacie comunali di Terni. Tre i motivi principali.

  • 1. In primo luogo i sindacati mettono in guardia “dall’impatto disastroso che questa scelta avrebbe sui livelli qualitativi di erogazione del servizio e sulla capacità di tenuta nel mercato per le farmacie piccole e medie”, senza dimenticare che la vendita comporterebbe “l’interruzione dell’unica esperienza pilota di area vasta in Umbria, quella della ‘Farmacia dei servizi’, avviata dalle farmacie comunali di Terni”. Lavoratori e organizzazioni sindacali evidenziano, ad esempio, che “nelle farmacie comunali l’accesso al servizio notturno e al ritiro dei referti Cup è gratuito”, inoltre, nelle farmacie comunali, possono essere reperiti “farmaci a bassissimo costo, fondamentali per le cure e la salute dei cittadini”.
  • 2. La vendita comporterebbe una perdita economica immediata e per il Comune di Terni. Il contratto di servizio Comune e Farmacia Terni, stabilisce che quest’ultima dovrà versare 4 milioni all’amministrazione per la gestione decennale delle 9 farmacie comunali.
  • 3. Infine, secondo i sindacati sussistono anche ragioni di carattere giuridico che di fatto “impediscono la vendita” al Comune. “Le farmacie comunali – spiegano le categorie dei servizi di Cgil e Uil – hanno una funzione sociale, una mission che il Comune non può scegliere di avere o meno, in quanto essa deriva direttamente dalla legge. L’ente comunale – proseguono le tre sigle – può fornire indirizzi operativi, volti all’ottimizzazione di questa mission, ma, nel rispetto del principio di buona amministrazione, non può decidere di privarsene”. 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...