1956: c’è Scarfiotti alla Spoleto-Monteluco, ma vince Alfredo Tinazzo

9 settembre 1956
C’era anche Ludovico Scarfiotti al via, ma la vittoria assoluta dell’edizione del 1956 della Spoleto-Monteluco andò a Alfredo Tinazzo che guidava una vettura Giaur 750 sport, il quale ebbe in premio la coppa messa in palio dal Comune di Spoleto. La gara era valida per il Trofeo della Montagna ed era diventata una classica. Per questo il campo dei partenti era piuttosto nutrito e composto di nomi conosciuti. Scarfiotti su tutti, anche se ancora era molto giovane e al suo approdo alla Ferrari mancava qualche anno. Tinazzo, portacolori della scuderia Patavium, era un campione già piuttostio affermato e conosciuto, come d’altra parte Roberto Lippi, della scuderia Sette Colli secondo assoluto con una Stanguellini 750 che precedette Attilio Brandi, terzo con una Osca 1100, Amerigo Brachetti (Giaur 750) e Antonio Consolagio (Ermini 1100).
La gara fu turbata da due incidenti. Il primo, avvenuto prima che la gara avesse inizio, ebbe come protagonista il pilota Bruno Rossi il quale, mentre provava in percorso con la sua Fiat 2000 8V si scontrava con un motociclista che procedeva in seno di marcia opposto al suo (la strada era ancora aperta al traffico). Il centauro riportò la frattura di una gamba, ma anche Rossi rimase contuso e dovette rinunciare alla gara. Il secondo incidente ebbe per protagonista il pilota della Ferrari, Gerini, il qual finì fuori strada all’ultima curva del percorso. La vettura fu seriamente daneggiata, ma il pilota non ebbe conseguenze.
Due dei favoriti della vigilia, i romani De Sanctis e Leonardi, furono invece fermati da incidenti meccanici e non furono nelle condizioni di tagliare il traguardo sul Monteluco.
Questi i gli ordini d’arrivo nelle varie categorie.
Turismo fino a 750 CC: 1) Colonna Fabio, sc. Campidoglio, Fiat 600, alla media di 61,749; 2) Santini Vittorio, Fiat 600; 3) Colonna Stefano, Fiat 600; 4) Pensa Giovanni, Fiat 600.
Turismo fino a 1.100 CC: 1) Ciola Luciano, sc. Campidoglio, Alfa Romeo Giulietta ala media di 66,947; 2) Scarfiotti Ludovico, Fiat 107; Bianchi Umberto, Fiat 102.
Turismo oltre 1200 CC: 1) Pegaso Vittorio, Sc. Campidoglio, Alfa Romeo T1; 2) Macalli Plinio.
Sport fino a 750 cc.:1) Tinazzo Alfredo (Giaur 750 S), Sc. Patavium, media 73,253; 2) Lippi Roberto, Stanguellini 750 S; 3) Brachetti Amerigo (Giaur 750 S).
Sport fino a 1100 CC.:1) Brandi Attilio, Osca 1100, media 71,345; 2) Consolagio Antonio, Ermini 1100; 3) Falli Carlo, Osca 1100.
Sport oltre 1100 CC.: 1) Natalini Fernando, Ferrari 2000; 2) Auriga, Maserati 2000; 3) Maccarini, Maserati 2000.

®Riproduzione riservata

 

Annunci

2 pensieri su “1956: c’è Scarfiotti alla Spoleto-Monteluco, ma vince Alfredo Tinazzo”

I commenti sono chiusi.