Frana sulla strada per Piediluco

L‘8 marzo 1965
a causa della pioggia  che da giorni e giorni era incessante una grossa frana rese intransitabile la strada che da Terni porta a Marmore e Piediluco, unico collegamento tra Terni e Rieti. La fotografia diffusa dall’Ansa è eloquente. E’ stata scattata nel tratto di strada compreso tra il bivio di Papigno e Marmore. Il transito rimase chiuso per alcuni giorni con non poche difficoltà nei collegamento tra Terni e Rieti.
Già allora si protestava perché da anni restava in un cassetto il progetto per la nuova superstrada che avrebbe dovuto collegare il capoluogo umbro e quello laziale. Le prime proteste e le prime denunce delle lungaggini risalivano, allora, ad una decina di anni prima, alla metà degli anni Cinquanta e sembrava non dovesse mai avere soluzione data la contrapposizione venutasi a creare sui due possibili tracciati: uno che avebbe dovuto aggirare le montagne pù consisenti, l’altro che prevedeva invece la realizzazione d una serie di gallerie per attraversarle..
Non sapevano i cittadini ternani e reatini, ma soprattutto quelli di Marmore che già erano in difficoltà per il transito sempre più fitto di mezzi pesanti, che avrebbero dovuto aspettare altri quarant’anni prima che si scegliesse una volta per tutte il tracciato da seguire.
E’ comuqnue il caso di accennare al fatto che nel 2016 manca ancora un tratto perché il collegamento sia completato.

©Riproduzione riservata

Annunci