Morbidelli, Pileri campion del mondo

Paolo Pileri, la grinta di un campione

Fu lo svedese Kent Anderson, a tagliare per primo il traguardo del Gran Premio motociclistico di Cecoslovacchia del 1974 nella classe 125. Ma il protagonista assoluto della gara fu lui, Paolo Pileri.
Il campione ternano cadde durante la corsa delle 250, cui partecipava – pur essendo pilota ufficiale della Morbidelli – con una Yamaha privata. Clavicola fratturata. “Devi restare qui in ospedale”, gli dissero. «Che? _ replicò lui con la sua voce flebile _ Io tra poco ho la corsa delle 125. Non se ne parla proprio!». Ingessato, tornò al circuito. Fece schierare al via (era in pole) la sua Morbidelli 125, una moto ufficiale. con la quale gareggiava da pochi GP. Il dottor Costa gli tolse il gesso, lo sostituì con una benda rigida. E Pileri partì. Male, perché allora si partiva a motore spento: il pilota doveva spingere la moto, balzare in sella e lasciare la frizione. Il motore rombava e… via! Strinse i denti, Pileri, e s’avviò tra gli ultimi. Però dopo…
Assistito da una moto superlativa si gettò all’inseguimento, sorpassò uno ad uno gli avversari, raggiunse in testa il campione del mondo Kent Anderson e lo superò. Ma non era finita. A duecento metri dal traguardo rimase senza benzina. Il motore della Morbidelli era un gioiello, ma senza benzina c’era poco da fare. Pileri spinse la moto. Taglio il traguardo, grondando sudore per la fatica e il fortissimo dolore alla clavicola. Fu secondo. Sul podio Anderson, il vincitore, gli alzò il braccio, quello buono, celebrandone il gesto. L’anno dopo, con la Morbidelli, il pilota ternano vinse il campionato del mondo.

pileri-brno-2
La smorfia di dolore di Pileri pochi istanti prima del via del G.P. di Cecoslovacchia 

E’ scomparso il 13 febbraio 2007, Paolo Pileri. Dieci anni fa.
Un campione schivo, un uomo mite che in sella ad una motocicletta da corsa tirava fuori una grinta,una tenacia, un coraggio insospettabili.
A correre aveva cominciato nel 1968, categoria cadetti, classe 60 cc. Arrivò quarto nella classifica finale. Usava lo pseudonimo di “Richard”, per non far stare in pensiero quelli di casa. Ma il segreto durò poco. Nel 1969 passò tra gli juniores, nalla classe 125, con una Motobi. Fu secondo assoluto nel campionato italiano. Da lì fu sempre un crescendo.
Conclusa l’attività agonistica divenne manager di un team che portava il suo nome. Portò Loris Capirossi a vincere due titoli mondiali e Valentino Rossi all’esordio in un team ufficiale.
Lo stroncò un malore improvviso, mentre stava nella sua officina. Aveva 63 anni. Il motoclub di Terni cambiò la propria denominazione in “MC Liberati-Pileri” legando la memoria dei due campioni mondiali di motociclismo che Terni può vantare. Domani 13 febbraio 2017, il motoclub vuol ricordare Paolo Pileri con un raduno di moto e con un corteo che andrà a deporre una corona d’alloro al cimitero di Papigno, dove riposa. L’appuntamento è per le 14 allo stadio di Terni.

©Riproduzione riservata

⇒Per altre notizie di motociclismo clicca qui

moto

Annunci

Un pensiero su “Paolo Pileri, la grinta di un campione”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...