Preci, lapide “misteriosa” in Municipio

Preci Municipio
Preci, la lapide contro le “inique sanzioni”

«18 Novembre 1935 – XIV – A ricordo dell’assedio perché resti documento nei secoli dell’enorme ingiustizia consumata contro l’Italia alla quale tanto deve la civiltà di tutti i continenti».Una frase roboante, impegnativa, che sfida il mondo incisa su una lastra di marmo. Senza alcun riferimento specifico che aiuti a capire. Anche perché: che ci fa una lapide del genere sulla facciata del Municipio di Preci? Com’è che un paesino della Valnerina, sull’Appennino sentì, ottant’anni fa, l’esigenza di digrignare i denti verso i regimi “plutocratici e massoni”? Interpellato a suo tempo, il sindaco di Preci se la cavo così: «Boh! Mi pare strano che gli abitanti di Preci se la siano presa tanto per le sanzioni contro l’Italia per la guerra d’Etiopia…».
Infatti. Quella lapide, si decise a Roma, doveva essere affissa sulla facciata di tutte le sedi municipali d’Italia. Il 18 novembre 1935 è il giorno in cui entrarono in vigore le sanzioni economiche decise, ai primi di ottobre, dal consiglio della Società delle Nazioni, l’Onu di allora, contro l’Italia dichiarata Stato aggressore, dato che il suo esercito era entrato in armi nell’Etiopia. Le sanzioni consentirono al fascismo di avviare una grande operazione di propaganda che giocava sull’“iniquità” della deliberazione della Società delle Nazioni, la quale vietava di vendere all’Italia armi, munizioni e materiali per l’industria bellica oltre che di far credito o prestiti e commerci con uno stato che aveva scatenato una guerra. Eccolo “l’assedio”. Ma le sanzioni, in concreto, ebbero effetti minori di quanto s’era temuto, anche perché gli Stati Uniti si dichiararono neutrali e continuarono così a rifornire l’Italia di petrolio e altre materie prime. La propaganda del regime ebbe, però e comunque, un effetto considerevole. Poi, passata la buriana, alcuni sindaci (la maggior parte) quelle lapidi le fecero rimuovere, altri avevano cose più urgenti cui pensare. Senza contare che qualcuno, quindici e più anni dopo non sapeva nemmeno più a cosa si riferisse di preciso quella frase sdegnata contro la “plutocrazia”. A Preci, tra una scossa di terremoto e l’altra, è accaduto proprio così; la lapide è rimasta lì. E oggi resta come testimonianza di un pezzo di storia italiana.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Preci, lapide “misteriosa” in Municipio

Notizie su Preci. Clicca

Vedi anche ⇒

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...