Contadino guaritore con le erbe: denunciato dai medici

Casteldelmonte
Un santo, come sostenne il suo avvocato difensore? O un pericolo pubblico, come affermava l’accusa? Di certo – commentavano i giornali del 1936 – non era un cialtrone che speculava sul dolore della gente. Quel contadino di Poggio Mirteto, che una denuncia presentata da numerosi medici portò davanti al Tribunale di Rieti, non riceveva compensi per le sue «cure». Anzi, spiegò egli stesso ai giudici, «quelli di casa stanno ‘rrabbiati co’ me perché pe’ fa’ del bene alla gente che ha bisogno, trascuro il lavoro dei campi. ‘Nzomma ci arimetto».Non solo:«Me so’ creato tanti nemici. Hanno provato du’ vorte a metteme ‘n manicomio, ma so’ risultato sano de mente. Io questa facoltà l’ho avuta quando m’è comparso in sogno il creatore che me l’ha detto propio chiaro: tu devi da guari’ la ggente, perché tu lo poi fa’. E così ho ‘ncominciato».
Non appena si seppe in giro delle «guarigioni miracolose», la casa di campagna di Poggio Mirteto del contadino Galli (il nome di battesimo nelle cronache del tempo viene sostituito con un «certo») divenne meta di pellegrinaggi. Si diceva di gente guarita dalle più terribili malattie, di altri che avevano riacquistato la vista. E che chi non guariva del tutto traeva comunque un beneficio perché i decotti del «Certo Galli» lenivano i dolori.
«Sarà – disse in udienza il pubblico ministero, commendator Bravini – ma il comportamento dell’imputato si chiama esercizio abusivo della professione medica. E il reato sussiste anche se non c’è compenso. Il fatto è che quest’uomo può diventare pericoloso proprio per chi si rivolge a lui. Chi può essere certo che quei decotti non provochino danni?».
«Chi si rivolge a lui – ribatté l’avvocato difensore Ivo Coccia – è stato rifiutato dalla medicina ufficiale, nel senso che essa non ha soluzioni per il suo caso». L’avvocato citò dichiarazioni di illustri clinici d’Oltreoceano, esaltò le doti dei guaritori africani e sud americani, quindi quelle dei santi che «eppure, non erano medici»; tirò fuori le teorie di Freud. Alla fine ce la fece: il «Certo Galli» fu assolto. Poté tornare a casa, ma a evitare futuri guai – sottolineava il cronista giudiziario – lì «lo aspetta il duro lavoro dei campi». Basta fare il guaritore.
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...