A Configni un agriturismo del Settecento

Il casale di Configni
Il casale di Configni

Spiega la Guida del Consumatore che “L’agriturismo è un’attività gestita da un imprenditore agricolo che offre alla sua clientela un servizio di vitto ed alloggio presso la propria tenuta e che utilizza solo i propri prodotti”. Un’“invenzione” recente? Manco per niente. La prova è che nel 1700 e 1800, a Configni c’era un agriturismo in piena regola: è stato operativo per quasi due secoli: l’Osteriola. Oggi è un antico casale lungo la strada che da Passo Corese porta a Terni, proprio all’incrocio con la provinciale per Cottanello e Contigliano. Un rudere, ma carico di storia, anche di un certo lustro se la porta d’ingresso, una delle poche cose ancora intatte, è identica a quello che fu il portale del castello degli Orsini, i feudatari di Configni, e che oggi è l’ingresso al centro storico del piccolo centro del reatino, a un tiro di schiopo dai confini (appunto) con l’Umbria.
Prima stazione di posta lungo il diverticolo della Salaria che da Passo Corese si dirigeva verso Terni e la Flaminia. Poi per lungo tempo locanda ad uso dei viaggiatori che in carrozza percorrevano quella strada. Al piano superiore c’erano due o tre camere, al piano terra l’osteria, l’Osteriola di cui rimane l’antica insegna scolpita nel marmo. Dietro al casale un appezzamento di terreno. Oggi è un uliveto, ma allora era sufficentemente grande per fare l’orto, allevare animali domestici, coltivare viti e ulivi.
Vino, carni, verdure e olio “della casa”, come si fa (o si suppone che si faccia) nei moderni esercizi di “agriturismo”.
Una parte della costruzione, un ampliamento fatto nel 1927, è crollata. La facciata ed il corpo originario si reggono, ma “chiedono” un intervento di restauro o almeno di conservazione.
Quella stazione di posta potrebbe tornare a “funzionare”. Anni fa l’hanno comprata moglie e marito, di Configni. Volevano appunto aprirvi un ristorante con annesso piccolo albergo. «Pensavamo di fare tutto in quattro e quattr’otto – raccontano – invece ci sono voluti anni per avere tutti i permessi e prima che l’area da agricola fosse destinata a servizi turistici». Ora i permessi ci sono, si potrebbe cominciare. «Eh, di questi tempi… I permessi ci saranno pure, ma ormai mica bastano!». Come diceva quello: le idee ce l’ho, sono i soldi che mi mancano.

Il portale del casale (a dx) e (a sin.) quello del Castello di Configni: sono identici
Il portale del casale (a dx) e (a sin.) quello del Castello di Configni: sono identici

©RIPRODUZIONE RISERVATA

A Configni un agriturismo del ‘700

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...