Malore a Spoleto: Louis Armstrong tra la vita e la morte


«E’ stato solo un brutto raffreddore»
disse, con la voce roca e un sorriso a sessantadue denti, Louis Armstrong ai giornalisti che l’avevano aspettato all’aeroporto di New York. «Ci vediamo la prossima settimana _ aggiunse _ al Lewisohn Stadium, al concerto in cui festeggerò il cinquantanovesimo compleanno».
Minimizzava, Armstrong, ma il malore che l’aveva colpito a Spoleto Continua a leggere Malore a Spoleto: Louis Armstrong tra la vita e la morte

Annunci

A Configni un agriturismo del Settecento

Spiega la Guida del Consumatore che “L’agriturismo è un’attività gestita da un imprenditore agricolo che offre alla sua clientela un servizio di vitto ed alloggio presso la propria tenuta e che utilizza solo i propri prodotti”. Un’“invenzione” recente? Manco per niente. La prova è che nel 1700 e 1800, a Configni Continua a leggere A Configni un agriturismo del Settecento

Ponte Toro, monumento dimenticato

I resti del Ponte Toro, vicino alla Cascata delle Marmore
I resti del Ponte del Toro, vicino alla Cascata delle Marmore

All’epoca del “Grand Tour” c’era già. Ma nessuno dei tanti artisti provenienti da tutta Europa, che nel corso del loro viaggio culturale italiano immancabilmente visitavano la Cascata delle Marmore, ne fa menzione. Continua a leggere Ponte Toro, monumento dimenticato

Rubata la testa di San Valentino, ritrovata dai Carabinieri dopo 25 anni

Era la notte tra il 14 ed il 15 febbraio del 1979 quando qualcuno si fece chiudere dentro la chiesa, alla fine della giornata di festa di San Valentino protettore di Terni, prima che degli innamorati. Ad attirare l’attenzione dei ladri sacrileghi e vandali fu lo sbrilluccichìo della mitria, il cappello vescovile: oro e pietre preziose. Continua a leggere Rubata la testa di San Valentino, ritrovata dai Carabinieri dopo 25 anni

La Fucat e la “guerra” delle figurine con la Perugina

La lira e il pinguino, due delle figurine Fucat
La lira e il pinguino, due delle figurine Fucat

 

La lira, nel senso di volatile, è raffigurata mentre si spinge col becco verso terra a ghermire un vermiciattolo, la coda è disegnata bene aperta; praticamente è la riproduzione grafica dello strumento musicale caro a Nerone, formato da piume multicolori. La civetta, ovviamente ti guarda con due occhioni grandi grandi, sbarrati; Continua a leggere La Fucat e la “guerra” delle figurine con la Perugina

Fratta divenne Umbertide, Bastardo resta Bastardo

Gli abitanti di Bastardo, grossa frazione di Giano dell’Umbria, ci hanno provato in varie maniere a far sì che il nome della località in cui abitano venisse modificato: sono partiti dalle petizioni fino ad arrivare alla proposta di un referendum. Continua a leggere Fratta divenne Umbertide, Bastardo resta Bastardo

Provincia di Terni, solo nel 1952 il primo presidente

Si dovette aspettare per ben venticinque anni prima che la Provincia di Terni avesse un consiglio ed un presidente eletti dalla gente. Era stata, sì, istituita nel 1927 ma solo nel 1952 i cittadini Continua a leggere Provincia di Terni, solo nel 1952 il primo presidente

Collestatte, piazza regalata: il Comune accetta 30 anni dopo

Era il primo aprile del 1922 quando il conte Paolo Manassei scriveva al Comune proponendo la donazione di un’area di 7.620 metri quadrati di proprietà della sua famiglia: l’area antistante la chiesa di San Liberatore a Collestatte. Ci vollero trent’anni prima che, nel maggio 1952, il notaio potesse perfezionare, finalmente, l’atto. Continua a leggere Collestatte, piazza regalata: il Comune accetta 30 anni dopo

La preziosa biga di Monteleone ceduta per poche tegole

La storia della preziosa biga di Monteleone di Spoleto è nota: fu ritrovata agli inizi del ‘900 a Colle del Capitano, una frazione non molto lontana dal capoluogo. Un contadino che lì stava costruendo una casa, andò Continua a leggere La preziosa biga di Monteleone ceduta per poche tegole

Assisi: una statua della Madonna “cammina”

Peppone glielo diceva sempre a don Camillo: «Voi, se ve la vedete brutta fate piangere un paio di statue della Madonna e recuperate i voti». Era il 1948, si appressavano le elezioni e la campagna elettorale era tiratissima: il Fronte Popolare, di qua, la Democrazia Cristiana di là. Continua a leggere Assisi: una statua della Madonna “cammina”